CNIPA nel 2010 diventa DIGITPA

postato in: Riferimenti, Schede | 0

Nel 1993 venne istituita l’AIPA Autorità per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione; questa struttura restò in funzione sino al 2003, quando l’AIPA venne trasformata in CNIPA (Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione), struttura operante, come la precedente, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, sia pur con una sua autonomia tecnica, amministrativa, funzionale, contabile e finanziaria.  La struttura e le sue funzioni sono restate invariate sino al dicembre 2009  con la sua riorganizzazione in DIGITPA.

I compiti del CNIPA  erano  quelli del supporto all’impiego dell’Information and Communication Technology nella Pubblica Amministrazione:

  1. la preparazione e la pubblicazione delle norme tecniche (linee guida e guide tecniche, ecc)
  2. la valutazione della coerenza delle strategie di innovazione del Governo e le attività ICT della Pubblica Amministrazione Centrale anche  con interventi di  determinazione della congruità tecnica ed economica
  3. la definizione e la gestione di progetti  ad elevato contenuto innovativo nell’impiego dell’ICT nella Pubblica Amministrazione
  4. attività di consulenza nei confronti  degli organi e delle funzioni direttive delle PA
  5. la gestione dei rapporti e delle collaborazioni finalizzate alla creazione della “Società dell’informazione”, in sede europea ed internazionale.
  6. la predisposizione di un piano strategico triennale dei progetti e degli interventi  sui sistemi informativi delle amministrazioni

DIGITPA eredita le funzioni del CNIPA ed in particolare:

  1. il monitoraggio ed il controlllo delle tecnologie della comunicazione e dell’informazione per lo sviluppo del paese e nell’evoluzione dei servizi delle PA
  2. la realizzazione di progetti di natura strategica ed altamente innovativi
  3. la predisposizione delle norme tecniche per la gestione ed il mantenimento dei sistemi informativi delle PA
  4. la conduzione dei rapporti internazionali in materia di innovazione e digitalizzazione della PA

Il personale di DIGITPA sarà ridotto dalle circa 200 unità di oggi  a 120.  Inoltre DIGITPA viene a perdere la responsabilità della stesura del piano triennale dei progetti e degli interventi di sviluppo dei sistemi informativi delle amministrazioni, che viene trasferita al Presidente del Consiglio dei Ministri o ad un Ministro delegato. Un analogo trasferimento di competenze è previsto nei rapporti con gli organi delle Comunità europee ed internazionali.

Un’altra importante novità, che interessa in particolare le aziende fornitrici,  è quella dell’aumento delle soglie per il “parere di congruità”:

Vecchia soglia € Nuova soglia €

Trattativa privata

154.937,00

1.000.000,00

Appalto concorso

309.874,00

2.000.000,00

Gara aperta

619.758,00

2.000.000,00

Infine viene riservata a DIGITPA la possibilità di proporsi sul mercato  con l’offerta di prodotti, servizi e know-how”, con la speranza di trasformarla in una realtà in grado di competere sul mercato con le grandi aziende del settore.


--Clicca qui per PDF--



QR Code
Condividi:

Lascia un commento

Per effettuare l'invio ti chiediamo di completare sotto, per dimostrare che sei una persona * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.